7
7

Braccianti di Castelnuovo Scrivia

€170 da meta de €1.000

Arrecadados por 7 pessoas em 2 meses
Tutto il ricavato di questa raccolta andrà a beneficio del Presidio Permanente di Castelnuovo Scrivia.

Aiutiamo i braccianti di Castelnuovo con le spese legali di questo nuovo procedimento intimidatorio contro di loro.

Un milione e mezzo di euro. A tanto ammonta la richiesta danni a carico dei braccianti sfruttati – e dei sindacalisti che li hanno sostenuti – di Castelnuovo Scrivia. I titolari dell’azienda per la quale lavoravano ritengono di essere stati danneggiati e citano in giudizio i lavoratori. Lo fanno a distanza di sei anni. Lo fanno dopo il patteggiamento, dopo aver trovato scappatoie burocratiche innanzi alla propria colpevolezza. Un patteggiamento grazie al quale sono condannati alla pena della reclusione di un anno e sette mesi, con la condizionale. Grazie al quale, l’accusa più grave, estorsione, è decaduta.
Venivano mandati a lavorare nei campi per pochi euro all’ora. All’inizio erano quattro euro, poi tre, poi più niente. Senza acqua. Senza divisa (se la portavano da casa), né scarpe adeguate. Senza attrezzi, che dovevano comprarsi personalmente. Nell’estate del 2012, dopo almeno due mesi senza ricevere alcuna paga, i lavoratori hanno protestato. Hanno organizzato un presidio davanti all’ingresso della sede aziendale, sulla strada che da Tortona porta a Castelnuovo Scrivia.
Oggi per quella giusta protesta sono accusati in ventisei. Tutti e ventisei individuati come i responsabili del blocco stradale organizzato in quell’estate del 2012. Un blocco che inibiva il traffico ai mezzi deputati al carico delle merci indirizzate ai supermercati Bennet. Erano in ventisei ad «invadere i campi per distruggere» i raccolti che l’azienda riusciva a produrre grazie all’opera di braccia mal pagate e sfruttate. Ventisei, tutti e ventisei a formare catene umane nei campi per impedire la sostituzione della loro manodopera con quella di altri lavoratori ingaggiati dal datore di lavoro tramite la cooperativa di Brescia. Ad essi, gli imprenditori sfruttatori chiedono il risarcimento di un milione e mezzo di euro. Un milione e mezzo di risarcimento per una protesta in cui si chiedeva dignità.
+ Mais informações
Braccianti di Castelnuovo Scrivia, lo sfruttamento resta impunito.

Denunciare lo sfruttamento nei campi non è affatto facile. Rischi tutto e hai paura. Paura di essere individuato, di non trovare più alcun lavoro, di essere marchiato come quello che «crea problemi». Hai paura di essere espulso perché sei diventato clandestino e non puoi più stare qui ma neanche tornare al tuo paese di origine. Sei come bloccato, sospeso. Puoi sperare solo in una sentenza di condanna dei tuo padroni, per vederti riscattare, per vederti riconosciuti i diritti degli altri.

Questo lo stato d’animo dei cinque lavoratori dell’azienda agricola Bovera, sita a Castelnuovo Scrivia, il medesimo luogo della protesta dei braccianti avvenuta nel 2012. I titolari dell’impresa hanno patteggiato sei mesi di reclusione, la pena minima per casi come questo, e ricevuto una multa di 10mila euro con la sospensione condizionale.
http://www.giustapaga.it/braccianti-castelnuovo-scrivia-lo-sfruttamento-resta-impunito/
+ Mais informações

€170 da meta de €1.000

Arrecadados por 7 pessoas em 2 meses
Seu compartilhamento pode produzir doações. Entre para rastrear o seu impacto.
   Conectar
Não publicaremos sem a sua permissão.
No futuro, informaremos se os seus compartilhamentos produziram doações.
Não foi possível conectar à sua conta do Facebook. Tente novamente mais tarde.
CP
€20
Carmine Pietrapertosa
14 dias atrás
MB
€20
monica beltrami
14 dias atrás
GB
€20
Giulia Bazzani
14 dias atrás
FD
€10
Federico Drago
20 dias atrás
SC
€30
Stefano Cobianchi
21 dias atrás
€20
Anônimo
2 meses atrás
€50
Davide Serafin
2 meses atrás
ou
Usar meu endereço de e-mail
Ao continuar, você confirma que aceita os
condições e a política de privacidade do GoFundMe
Receba atualizações eletrônicas ocasionais do GoFundMe. Você pode cancelar a assinatura a qualquer momento.
Ocorreu um problema com a conta do organizador da campanha. Nossa equipe entrou em contato e forneceu a solução! Peça à pessoa para fazer login no GoFundMe e conferir a conta. Voltar à campanha

Tudo pronto para a próxima etapa?
Até mesmo uma doação de €5 ajuda!
Doar agora Agora não
Conecte ao Facebook para ver quantas doações o seu compartilhamento consegue.
Não publicamos no Facebook sem a sua permissão.
Receba atualizações eletrônicas ocasionais do GoFundMe. Você pode cancelar a assinatura a qualquer momento.